Tutte le religioni nonchè le Tradizioni esoteriche hanno riservato all’Arcangelo Michele (il cui nome vuole dire Mi-Kha-El: “Chi è come Dio?”), fin dai tempi antichissimi, un ruolo e un affetto particolare, considerandolo sempre presente nella lotta che si combatte e si combatterà a livello individuale e collettivo, fino alla fine dei tempi, contro le forze del male.
Il suo culto è molto diffuso a livello popolare: moltissime sono le località in Europa che hanno scelto Michele come loro patrono, innumerevoli sono le rappresentazioni artistiche, le chiese dedicate a Lui e le preghiere ufficiali e popolari che lo invocano.
Singolare e misteriosa la linea retta con la quale sono collegabili tra loro i principali luoghi di culto dedicati a Michele, tutti eretti sui resti di antichi templi pagani, in luoghi dove in qualche modo si è manifestata la sua presenza. Tale linea, tracciata partendo dal Monte Carmelo (Palestina) per finire sul Monte di San Michel (Inghilterra sud orientale), passa su Delos, Delphi, Monte Sant’Angelo (Gargano), Sacra di San Michele (Valsusa) e Mont Saint Michel (Francia nord orientale), imponendosi all’attenzione degli studiosi di esoterismo. La sua interpretazione è un richiamo alla Rettitudine ed al Rispetto Assoluto delle Leggi di Dio.